Mercoledì, 3 Giugno 2020 01:00:31
CookiesAccept

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.Leggi il documento e-Privacy della Comunità Europea

Le comunicazioni del sindaco Giampiero Tolardo sull'emergenza Coronavirus: attenersi all'ordinanza regionale

logoAd oggi non esistono elementi che possano far pensare a un rischio reale per la popolazione. L'ordinanza regionale (che è allegata al post) ha lo scopo di verificare l'esistenza di relazioni fra i casi rilevati nell'area della città metropolitana di Torino, che al momento sono solo 4.

Pur essendoci un alto rischio di contagio, la malattia provocata da corona virus, presenta per lo più sintomi lievi. I pazienti più a rischio sono i soggetti anziani e quelli affetti da malattie croniche. Anche il caso del lavoratore dipendente dell'Italdesign di Nichelino, residente a Cumiana, che è risultato debolmente positivo al Coronavirus Covid 19, è gestito con la massima attenzione. Il lavoratore si trova attualmente in buone condizioni di salute e non ci sono motivi che possano indurre a un'elevata preoccupazione per la diffusione del virus fra i colleghi, ai quali è stato imposto, sempre a scopo precauzionale, un periodo di quarantena presso il proprio domicilio. Nei prossimi giorni saranno tutti sottoposti a tampone faringeo per verificare eventuali contagi. Al momento è vigente l'ordinanza regionale, redatta in collaborazione con il Ministero della Salute, che è funzionale allo svolgimento di tutte le fasi di controllo da parte degli operatori sanitari. Si sta svolgendo in Prefettura una riunione dell'unità di crisi per decidere ulteriori azioni per la gestione della situazione. In attesa delle decisioni del Prefetto, a scopo precauzionale, sono sospese le manifestazioni e le iniziative di qualsiasi natura, e ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato. In particolare l'ordinanza regionale prevede:

- la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, chiuso o aperto al pubblico, anche di natura culturale, ludico, sportiva e religiosa;

- la chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado (che riguarda anche il personale), nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali (tirocini compresi), master, corsi universitari di ogni grado e università per anziani, con esclusione degli specializzandi nelle discipline mediche e chirurgiche e delle attività formative svolte a distanza;

- la sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura; la sospensione di ogni viaggio di istruzione sia sul territorio nazionale che estero;

- l’obbligo per le persone che arrivano da da zone a rischio epidemiologico di comunicare l’ingresso in Piemonte all’azienda sanitaria competente per l’adozione della permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.

L’ordinanza comprende anche limitazioni all’accesso dei visitatori alle aree di degenza degli ospedali, delle case di riposo e delle altre strutture residenziali e semiresidenziali, raccomandazioni al personale tecnico e sanitario per attenersi alle misure di prevenzione per la diffusione delle infezioni per via respiratoria e alla rigorosa applicazione delle indicazioni per la sanificazione e disinfezione degli ambienti previste dalla circolare ministeriale. Inoltre, impone la disinfezione giornaliera dei treni regionali e dei mezzi di trasporto pubblico locale e sospende i concorsi, ad esclusione dei concorsi per personale sanitario.

Insieme ad una serie di misure igieniche da seguire, si ricorda che i cittadini che presentino evidenti condizioni sintomatiche ascrivibili a patologie respiratorie, fra cui rientra il Coronavirus Covid 19, possono contattare il numero 1500, il proprio medico di base e le Asl di riferimento e, solo in caso di reale urgenza, il numero 112 e che si devono evitare accessi impropri al pronto soccorso.

Nel pomeriggio verranno forniti aggiornamenti.

Il testo dell'ordinanza

Bookmark and Share