Sabato, 21 Settembre 2019 15:24:12
CookiesAccept

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.Leggi il documento e-Privacy della Comunità Europea

12 - 23/9 : "Dai Tacchetti al pennello", la personale di Gianni Bui

 DSC0721Nell'ambito delle iniziative per la festa di San Matteo, patrono di Nichelino, nella Sala Mattei del Palazzo Comunale (piazza di Vittorio, 1), verrà allestita – dal 12 al 23 settembre – la mostra di quadri “Dai tacchetti al pennello”, personale di Gianni Bui, ex calciatore e allenatore, che da alcuni anni si è dedicato alla pittura.

Sabato 14 settembre, alle ore 10.00, sempre nella Sala Mattei del Palazzo Comunale che ospita la mostra, è prevista una conferenza stampa a cui parteciperanno, oltre all'artista, il sindaco della Città di Nichelino, Giampiero Tolardo, l'assessore alla Cultura e Sport, Michele Pansini, l'assessora ai Grandi Eventi, Giorgia Ruggiero, e alcune vecchie glorie del Torino, fra le quali Angelo Cereser (ideatore e curatore dell'iniziativa).
Nato nel 1940, Gianni Bui – 188 presenze in “serie A” e 48 goal (dei quali 20 nel quadriennio in cui indossò la casacca del Torino) – è rimasto legatissimo all'esperienza granata e alla città. Ha sempre mostrato, fin da giovane, un certo talento (come nel calcio) per il disegno e la pittura. Una predisposizione che, dopo aver appeso i tacchetti al chiodo, ha approfondito sempre più. Con il pennello, perciò, ha attraversato le varie fasi figurative – ritrattistica, paesaggistica, natura morta – fino a giungere alle composite cromie dell'astrattismo, facendone la sua cifra stilistica, il suo marchio d'autore. Quella di Nichelino è la sua prima personale ed esporrà una trentina di opere realizzate negli ultimi cinque anni. La mostra “Dai tacchetti al pennello” sarà aperta al pubblico per tutta la durata della festa di San Matteo.

Bookmark and Share