Domenica, 21 Aprile 2019 20:25:31
CookiesAccept

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.Leggi il documento e-Privacy della Comunità Europea

Palazzina di Caccia

alt

La Palazzina di caccia di Stupinigi

 

Residenza Sabauda per la Caccia e le Feste edificata a partire dal 1729 su progetto di Filippo Juvarra, la Palazzina di Caccia di Stupinigi è uno dei gioielli monumentali di Torino, a 10 km da Piazza Castello, in perfetta direttrice. Costruita sui terreni della prima donazione di Emanuele Filiberto all'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (1573), è oggi proprietà della Fondazione Ordine Mauriziano, un ente governativo dedicato alla sua conservazione e valorizzazione.

Riaperta al pubblico dopo importanti lavori di restauro, la Palazzina di Caccia -fra i complessi settecenteschi più straordinari in Europa- ha piena dignità museale con i suoi arredi originali, i dipinti, i capolavori di ebanisteria e il disegno del territorio.

Nell’ambito della grande operazione urbanistica per la qualificazione della capitale del nuovo regno, Vittorio Amedeo II nel 1729 affida all’architetto siciliano Filippo Juvarra i territori della commenda mauriziana di Stupinigi per progettare i percorsi venatori e realizzare una Palazzina di Caccia in grado di ricevere i potenti dell’epoca.

L'imponente edificio, completato da degni successori dell’Architetto reale (oltre 31.000 mq, dei quali oltre 10.000 dedicati all’attuale percorso museale) disegna in pianta una Croce di Sant'Andrea con quattro bracci che partono dal salone centrale a pianta ovale. Vero e proprio gioiello del Rococò italiano, esemplare modello delle Residenze Sabaude dichiarate Patrimonio dell’Umanità UNESCO, il percorso di visita si muove nelle sale impreziosite da lacche, stucchi dorati e affreschi, che accolgono il patrimonio di quadri e arredi, nella originaria magnificenza via via riacquistata dal progredire dei sapienti restauri.

Il capolavoro juvarriano è dunque un Museo in sé, capace di raccontare ai visitatori l’intatto spirito di un’epoca ma anche le impressionanti ‘tecnologie’ costruttive e naturalmente i fondamentali contributi artistici di alcuni fra i più celebri pittori, decoratori ed ebanisti del Settecento.

 

Curiosità

Nelle immediate vicinanze della Palazzina di Caccia si trova la Chiesa della Visitazione, anche questa opera di Juvarra e inaugurata nel 1739. La chiesa è molto semplice, tanto nella struttura, quanto nei decori, e questo si deve al fatto che l'edificio era destinato principalmente ai contadini delle cascine, in quanto la corte e i sovrani potevano usufruire della ricca Cappella di Sant'Uberto, posta all'interno della Palazzina. La chiesa della Visitazione è a navata unica, con volta a botte, e all'interno conserva le reliquie di Sant'Uberto, affidate dal Papa nel 1669 ai duchi di Savoia.

 

Informazioni

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Piazza Principe Amedeo 7, Stupinigi, Nichelino (TO)

Biglietteria Stupinigi tel. 011-0133073

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.ordinemauriziano.it  

Facebook.com/Stupinigi.Mauriziano

 


 

 



 

Bookmark and Share